Volevano volare

Quando le vedevano arrivare negli aeroporti, i meccanici si chiedevano increduli: «Ma che fine hanno fatto i piloti?». Avevano davanti le oltre mille donne-pilota che fra il 1942 e il ’44 servirono con onore gli Stati Uniti d’America.

Durante la seconda guerra mondiale, in un’epoca in cui poche donne osavano persino guidare l’automobile, quelle che volevano volare per il loro Paese si trovavano di fronte a un’impresa davvero difficile.

Mentre la guerra incombeva sull’Europa, Jacqueline “Jackie” Cochran, da molti considerata la più grande aviatrice della storia, sollecitava Eleanor Roosevelt – moglie del Presidente degli USA Franklin Delano Roosevelt – a persuadere Washington ad avviare un programma di volo per donne nell’esercito.

Jacqueline Cochran (1943)

La signora Roosevelt si era appassionata alla causa dalle colonne del giornale “My Day”, diventandone una fiera sostenitrice soprattutto dopo l’attacco a sorpresa di Pearl Harbor da parte delle forze aero-navali giapponesi, quello che il 7 dicembre 1941 coinvolse tragicamente gli USA nella seconda guerra mondiale.

La Roosevelt sosteneva che se la guerra fosse proseguita abbastanza a lungo, e se le donne avessero pazientato, l’opportunità di volare avrebbe bussato alla loro porta. Ma nello stesso tempo scriveva: «Questo non è un momento in cui le donne dovrebbero essere pazienti. Siamo in guerra e dobbiamo combatterla con tutta la nostra capacità e con tutte le armi possibili. I piloti donna, in questo caso particolare, sono un’arma in attesa di essere usata». Era il 1° settembre del ‘42.

Nel frattempo, la carenza di piloti spingeva l’aviazione americana a prendere in considerazione la possibilità di addestrare al volo le donne per spostare materiali e velivoli da una base aerea a un’altra e per altre mansioni non di combattimento.

Il Women’s Auxiliary Ferrying Squadron (WAFS), uno squadrone tutto al femminile istituito nel 1942, si occupava di trasportare gli aerei da guerra dalle fabbriche alle basi di addestramento o fino alle zone di combattimento. Contemporaneamente, il distaccamento per l’addestramento al volo delle donne, guidato da Jackie Cochran, reclutava e addestrava piloti donna per una varietà di incarichi. Nel giro di un anno le due organizzazioni si fusero nella WASP (acronimo di Women Airforce Service Pilots, che suona come “wasp”, “vespa”) con la Cochran alla direzione.

Le WASP erano impiegate in servizio civile, ma si conformavano alla disciplina militare addestrandosi per trenta settimane nell’austero aeroporto di Avenger Field, in Texas. Ricevevano la stessa istruzione di volo dei colleghi, tranne che su argomenti come il volo in formazione e l’artiglieria, di solito omessi. Se all’inizio le “vespe” trasportavano aerei leggeri, ben presto le si vide pilotare e collaudare i caccia più avanzati, bombardieri e aerei da carico, e partecipare anche a missioni pericolose.

Ma non furono mai considerate dei veri “piloti militari”: erano sottopagate e non ricevevano riconoscimenti né indennità, neanche quando venivano ferite o uccise in guerra. Sulle loro bare non ci sono mai state bandiere a stelle e strisce.

Dai tempi ­della WASP, le donne hanno fatto passi da gigante nell’aviazione civile e militare. Oggi pilotano i jet di linea più sofisticati e figurano in guerra tra i top gun. E, questo, anche grazie alle “vespe” della seconda guerra mondiale, pioniere del volo per passione.

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Lucia ha detto:

    “Volevano volare | Lo scrivo per te” was in fact a wonderful blog post,
    can’t wait to look over a lot more of your posts.
    Time to waste a little time on-line hehe. Thanks for your time
    -Vernell

    "Mi piace"

  2. Gioia Magliozzi ha detto:

    Lucia, I’m so thankful for your comment! “Empowering”! Looking forward to meet you on some social network (twitter GioiaMagliozzi ; linkedin Gioia Magliozzi and also FB). Ciao!

    "Mi piace"

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.