Il problema non è il problema

Che ne dici? Andiamo un po’ avanti con la riflessione sul modello di self-coaching di cui ti ho parlato in un post precedente?

Ricapitolando:

F: Esiste una situazione su cui non hai alcun controllo. Nessuna opinione, nessun giudizio: è un FATTO.

P.: Quale PENSIERO stai facendo sulla situazione in questione?

E: Che EMOZIONI stai provando?

A.: AZIONE. Come ti comporti, provando quelle emozioni?

R.: Qual è il RISULTATO del tuo comportamento?

Prendi carta e penna e prova ad applicare il modello a una situazione personale. Sai cosa salta all’occhio? Che…

NON E’ IL PROBLEMA, IL PROBLEMA, MA QUELLO CHE NOI PENSIAMO DI ESSO*.

I problemi non sono tali finché non pensiamo ad essi in un certo modo e li facciamo diventare problemi.

Esempio:

“Il mio amico, ora ex amico, è una persona pessima: ha festeggiato il compleanno e non me lo ha nemmeno detto. Appena lo vedo gliene dico quattro. Non me lo sarei mai aspettato da lui! Che diavolo gli sarà saltato in mente, per non invitarmi!?”

FATTO: Il mio amico ha festeggiato il suo compleanno e non mi ha invitato.

PENSIERO: Che persona pessima, non me lo sarei mai aspettato da lui!

EMOZIONE: Sono profondamente deluso; mi sento tradito e ingiustamente ignorato.

AZIONE: Adesso gli telefono e gli vomito addosso tutto il veleno che ho dentro.

RISULTATO: Il mio amico si sente aggredito e pensa che ha fatto proprio bene a non invitarmi o… a dimenticarsene.

Self-coaching:

  • Separiamo il FATTO dal resto (il mio amico non mi ha invitato alla sua festa).
  • Chiediti in che modo tu stia pensando al fatto. Qual è il pensiero che ti fa stare male?
  • Scrivi le tue emozioni: perché questa cosa è così importante per te? Che significato stai dando a quel che è successo?

Il modo in cui rispondi a questa domanda è il tuo VERO problema e hai la responsabilità di quello che lo stai facendo significare. COME VUOI SENTIRTI AL RIGUARDO È UNA TUA SCELTA.

Non è un problema finché non cominci a pensarci, ed è proprio il modo in cui ci pensi a farlo diventare tale. Inoltre, quello che per te è un problema, per qualcun altro non lo sarebbe affatto. Sei TU che decidi che tipo di problema hai, in base a quello che pensi.

  • A questo punto chiediti: ‘È questo il modo in cui voglio pensare alla situazione? Stare così male è quello che realmente voglio?’ Alcune domande potente da farti sono ‘COME VOGLIO SENTIRMI RISPETTO A QUESTO FATTO? COSA AVREI BISOGNO DI CAMBIARE NEL MODO IN CUI CI PENSO? IN CHE MODO DOVREI PENSARLA PER ESSERE IN UN DIVERSO STATO EMOTIVO?’

Non c’è una risposta giusta ma solo la risposta che SCEGLI di avere.

Next step:

  • Stai pensando costantemente al problema o ti stai focalizzando sulla SOLUZIONE? Invece di chiederti perché, ‘perché a me?’, ‘cosa ho fatto di sbagliato?’, ‘che sfortuna trovarmi in questa situazione, chiediti ‘come posso risolvere?’, ‘qual è la soluzione?’

TU SEI IL CREATORE DEL TUO PROBLEMA E PUNTARE A RISOLVERLO TI RESTITUISCE IL POTERE, quello della tua creatività. 

Manifesta il tuo destino: quando affronti un problema, separa il fatto dal pensiero, scegli di voler stare bene comunque e cerca con calma una soluzione accedendo a quelle parti di te creative e piene di saggezza che senza ombra di dubbio hai sempre avuto a disposizione.

N.B.: Talvolta la soluzione può essere semplicemente… lasciar andare quel che è stato. Ne riparleremo.

Tanta gioia a Te,

Gioia

N.B.: * Non parliamo di questioni di salute, o di traumi, o di vita-morte, o di effetti ‘finali’ di cause poste nel corso di anni di difficoltà, ad es. finanziarie. Il coaching supporta nell’affrontare le difficoltà; non è terapia, né consulenza, né tantomeno una bacchetta magica a posteriori.

Annunci

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. filorossoart ha detto:

    Gioia che problemi hai?

    Mi piace

      1. filorossoart ha detto:

        no. sei problematica.

        Piace a 1 persona

      2. Gioia Magliozzi ha detto:

        Lo prendo come un complimento 😊
        Sai che noia, altrimenti?

        Piace a 1 persona

      3. filorossoart ha detto:

        allora, simpaticamente problematica… °______°

        Mi piace

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.