Spiagge

I many times thought peace had come,
When peace was far away;
As wrecked men deem they sight the land
At centre of the sea,

And struggle slacker, but to prove,
As hopelessly as I,
How many the fictitious shores
Before the harbor lie.

Emily Dickinson (1830–86). Complete Poems. 1924.

Eugène Delacroix: Il naufragio di don Giovanni
Eugène Delacroix: Il naufragio di don Giovanni

Mia traduzione:

Molte volte ho pensato che la pace fosse giunta,

quando la pace era lontana;

come i naufraghi che credono di avvistare la terra

al centro del mare,

e lottano, più fiacchi, soltanto per provare,

disperatamente come me,

quante spiagge immaginarie

s’incontrano prima del porto.

Questa poesia, come ogni poesia, parla in accordo alla sensibilità di chi legge.

A me non parla di pace nel mondo, bensì di quella pace interiore che spesso non c’è.

Di quando ti sembra di poter gridare “terra!” e mettere radici, ma in realtà ti accorgi che è un approdo illusorio e ricominci a nuotare;

di quando ti appoggi al galleggiante di una fede o filosofia, ma dopo un po’ quello si sgonfia e riprendi il cammino verso nuove spiagge o, a mali estremi, boe;

di quando ti mantieni a galla, di quando affondi ma risali con una testarda voglia di vivere e di vincere, di quando bevi e di quando sputi, e di quando ti appoggi a qualcuno e per un po’ ti lasci condurre per riposare.

Personalmente mi dico che non c’è nessun porto cui attraccare e che le mille spiagge immaginarie sono il senso e il bello della vita. ‘Molte volte ho pensato che la pace fosse giunta’ e invece no: ma se questo vorrebbe dire arrivare alla fine della traversata, allora non voglio pace. Voglio ancora mille spiagge da conoscere, goderne o esserne delusa e passare oltre.

E mai ‘disperatamente’, Emily. Gioiosamente.

P.S.: Mentre scrivo mi torna in mente Renato Zero che canta ‘Spiagge’. Mi assicuro di non aver plagiato inconsciamente il testo, rileggendolo. Direi di no. Ma ti saluto con il suo saluto:

“… una speranza c’è

che ci siano nuove spiagge”.

Gioia

 

 

 

 

Pubblicato da Gioia Magliozzi | Life & Career Coach | Reconnective Healing® Foundational Practitioner

I'm a Life & Career Coach, member of AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti) and a Reconnective Healing® Foundational Practitioner. After more than 20 years of experience in the Corporate field, initially in Communication (cinema & TV), then in the aviation sector (I deal with International Projects and Partnerships at ENAV), I embraced the profession of coach and of RH practitioner to realize my dream of all time: to positively affect people's lives. My mission is to accompany people on the journey towards the full expression of their potential and a high quality of personal and professional life. Among my favourite tools: Personal Branding, Presentation Skills and Public Speaking strategies. Alongside a degree in foreign languages ​​and literature and a postgraduate course in Economics and Business Management, I obtained a Master in Life & Career Coaching and the certification as a Reconnective Healing® Foundational Practitioner. Member of the International Society of Female professionals. I'm a mother of two teenagers, which is the biggest challenge of all.

Commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: